Formaggi: una piccola selezione

Quando si parla di formaggi, il nostro paese ha ben poco da invidiare ad altre nazioni del resto del mondo (come la Francia, ad esempio, molto rinomata per questo particolare cibo). Le nostre regioni hanno più di 450 formaggi tradizionali, cui si aggiungono oltre 40 formaggi a denominazioni che vengono riconosciuti direttamente dall’UE e che, in totale, ci hanno permesso oltre 300.000 tonnellate di export di “cacio” (di cui circa 63.000 vendute proprio in Francia). Continue reading

Alimentazione e intolleranze. Le soluzioni

intolleranzeIl progresso alla base delle intolleranze alimentari

Il problema delle intolleranze alimentari si è fatto sempre strada nella lista delle malattie più diffuse tra la popolazione mondiale, questo particolare disturbo si è diffuso purtroppo in seguito ai radicali cambiamenti nell’alimentazione quotidiana dell’uomo, cambiamenti dovuti all’evolversi delle abitudini ma anche della diversa produzione da parte delle aziende alimentari di alimenti di vario tipo, l’uso di una maggiore quantità di cibi grassi e contenenti additivi, conservanti e coloranti ha sviluppato in molte persone una forma di “rigetto” di tali sostanze, da qui le intolleranze e le allergie sono letteralmente esplose. Continue reading

5 rimedi contro l’acne

acneL’acne è un problema per molti adolescenti, non solo una questione fisica ma anche e soprattutto una cosa psicologica, in quanto ci si vergogna di farsi vedere con il viso pieno di foruncoli. Il dilemma causato da questo problema colpisce indifferentemente sia ragazzi che ragazze, i quali sono alla ricerca spasmodica, o quasi, di un rimedio definitivo. Che cosa consigliare? Continue reading

Fenilchetonuria: come riconoscerla e combatterla

FenilchetonuriaLa fenilchetonuria è un problema che si manifesta sin dalla nascita e che, se non curato, porta ritardo mentale, problemi di tipo comportamentale, iperattività, un ritardo nella crescita, una serie di eruzioni cutanee note come eczemi, odore di muffa nell’alito e la pelle leggermente più pallida del normale. A rendere ancora più complesso riconoscere questa malattia è il fatto che il neonato non accusa sintomi di alcun genere, almeno all’inizio. Continue reading